UA-133840645-1
La versione del tuo browser è obsoleta. Consigliamo di aggiornare il browser alla versione più recente.

Giornalista pubblicista

- Specializzazione in "Giornalismo on line"

- Laurea specialistica in "Culture e linguaggi per la comunicazione"

- Laurea triennale in "Scienze della comunicazione"

Seguimi anche sui canali social:

 

 

 

VITA DA CROUPIER: I PRO E I CONTRO DEL LAVORO NEI CASINO' DI TERRA E NELLE NAVI DA CROCIERA

Inviato 2019/02/07

Redazionale di Sonia La Farina

Abbiamo conosciuto quattro ragazzi appena approdati a Glasgow con un contratto a tempo indeterminato pronti a lavorare come croupier. Abbiamo parlato delle loro aspettative, dei loro sogni, della loro voglia di lavorare. Con questo redazionale, sonialafarinanews ha deciso invece di raccontarvi quali sono i pro e i contro della professione e conoscere le differenze tra terra ferma e mare.

Si tratta di un redazionale che nasce dopo una lunga ed entusiasmante chiaccherata con un gruppo di giovani croupier che, rispetto ai ragazzi di Glasgow, svolge questo lavoro qualche anno. Un incontro durante il quale sonialafarinanews è andata oltre la “divisa” da croupier, per capire e mostrarvi davvero il loro mondo e la loro vita. Differenti e soggettive, sicuramente, le loro esperienze in terra e in mare, ma, in entrambi i casi, esperienze entusiasmanti che tutti nella vita dovrebbero provare.

Chi preferisce lavorare a terra, cerca una stabilità. I casinò di terra sono infatti indicati se hai già intenzione di crearti un futuro stabile e una famiglia. Mentre la nave è più adatta a chi vuole fare un’esperienza di vita. Grazie alla nave hai infatti la possibilità di viaggiare e di conoscere nuovi posti e nuove realtà.

Ricordati che in nave non sarai semplicemente un croupier ma anche membro dell’equipaggio, un incarico importante per te, giovane ragazzo, che non può che farti crescere.

Se lavori in un casinò di terra hai sicuramente la possibilità di tornare in Italia più facilmente e frequentemente, rispetto alla nave che prevede cinque o sei mesi di contratto. Ma, girando la medaglia, in quei mesi in nave, hai la possibilità di staccare la spina dalla tua vecchia vita, potendo successivamente ritornare a casa per circa un mese e mezzo.

A tal proposito, cerchiamo di capire i contratti: quello di terra prevede 28 giorni di ferie in Inghilterra e 38 a Malta, più i giorni off  (uniscili e vedi quante volte puoi tornare in Italia!). Mentre i contratti in nave sono di cinque o sei mesi, con uno stacco di un mese e mezzo (cinque o sei settimane di pausa che puoi trascorrere dai tuoi cari, portandoti a casa, non solo le grosse cifre guadagnate in nave tra stipendio e mance, ma anche la disoccupazione!).

Veniamo dunque all’argomento che può interessarti di più: lo stipendio.

Secondo quanto riportato da Chilton - Scuola Croupier di Catania, scuola che forma i giovani aspiranti croupier, il compenso si aggira a circa 2000 euro al mese a Londra e 1500 euro fuori Londra.

Ovviamente, i contratti vengono rispettati: lo straordinario viene regolarmente pagato, le ferie sono retribuite.

Ma torniamo ai pro di terra e nave. Chi lavora a terra ha una propria casa. Quindi, ragazzo mio, hai tutta la libertà che vuoi. Veniamo alla nave: se lavori in una nave da crociera, sicuramente dovrai condividere la cabina con qualcuno. Ok, non spaventarti… La convivenza è sicuramente un’esperienza che può farti crescere e maturare, e che, perché no, può diventare una bella amicizia.

Dall’altro lato, ricordati che se lavori a terra, devi fare i conti con le relative spese che dovrai affrontare. Ma anche in questo caso, non spaventarti: sarà un modo per gestire bene i tuoi soldi (che ricordiamo, pochi certamente non sono). In nave, da questo punto di vista hai vita facile: vitto e alloggio gratis, e per di più, la possibilità di girare senza spendere un euro.

Diverse caro mio saranno anche le persone che frequentano i casinò di terra e di nave. In quest’ultima troverai persone in vacanza che vogliono trascorrere una serata in allegria. Chi va al casinò di terra è invece chi davvero vuole passare la serata all’insegna del gioco.

In entrambi i casi, il croupier è un lavoro che certamente richiede buone doti relazionali. E ancora serietà, umiltà e puntualità. Doti con le quali hai possibilità di fare carriera anche in pochi anni.

È opportuno essere sempre in ordine ed elegante, non avere tatuaggi e piercing in vista e tenere un atteggiamento consono e decoroso, sia nel lavoro che nella vita di tutti i giorni.

Ma se vuoi fare il croupier, devi possedere soprattutto una cosa: la passione. Questo sicuramente alla base di tutto.

Se vuoi intraprendere questa professione, puoi rivolgerti a Chilton - Scuola Croupier di Catania, che si trova in piazza Cavour 19, Catania.

Puoi consultare il sito www.chilton.it e la pagina Facebook "Scuola Croupier Catania".

Per info, puoi contattare la scuola ai seguenti recapiti telefonici: 095 28877943922206821 o all’indirizzo e-mail: catania@scuolacroupier.it.

Le prossime selezioni si svolgeranno il 9 marzo.

 

 

 

 "Non ho potuto sempre dire tutto quello che volevo, ma non ho mai scritto quello che non pensavo". (Indro Montanelli)

 

 

 

 

"Io ho un concetto etico di giornalismo. Un giornalismo fatto di verità impedisce molte corruzioni, frena la violenza e la criminalità, impone ai politici il buon governo. Un giornalista incapace, per vigliaccheria o per calcolo, si porta sulla coscienza tutti i dolori umani che avrebbe potuto evitare, e le sofferenze, le sopraffazioni, le corruzioni, e le violenze che non è stato mai capace di combattere". (Giuseppe Fava)

 

 

 

 

"Il compito di un dottore è guarire i pazienti, il compito di un cantante è cantare. L’unico dovere di un giornalista è scrivere quello che vede". (Anna Politkovskaja)

 

 

 

 

 

 

"Il giornale è la vita. Noi viviamo attraverso le vite degli altri. Smettere di fare i giornali equivarrebbe a smettere di vivere". (Vittorio Feltri)