Cannizzaro: maggiore afflusso al pronto soccorso. Lavori per ampliare l’area.

Il mese di agosto dell’ospedale Cannizzaro ha visto un grande aumento di casi di codice rosso e giallo al pronto soccorso.

Queste prime due settimane sono state caratterizzate, infatti, da un forte afflusso, soprattutto a causa di traumi (della strada e non). Ma anche da un aumento di casi legati al riacutizzarsi di malattie croniche.

Secondo i dati forniti dal nosocomio, i codici rossi registrati al triage del pronto soccorso generale sono stati 77. I codici gialli 719. Insieme, rappresentano il 41% dei complessivi 1.913 accessi. Con un’incidenza più elevata confrontata con i mesi scorsi.

Rispetto al totale, oltre la metà degli accessi è assorbita dai codici verdi, che in questi giorni vedono un maggiore afflusso di pazienti cronici. Per lo più fragili (anziani, ma non solo), che nel periodo estivo transitano dal pronto soccorso.

Sono in corso, quindi, i lavori di ristrutturazione dei locali lasciati liberi dal pronto soccorso pediatrico. Locali destinati a diventare area di rivalutazione dei codici verdi.

Si tratta di un ampliamento che prevede la creazione di una sala open space con collegamento diretto con Triage e Accettazione.

«La sala di rivalutazione dei codici verdi – spiega Salvatore Giuffrida, direttore generale – ha l’obiettivo di decongestionare l’intero pronto soccorso. In particolare l’area prossima al Trauma Center. I nostri dati mostrano un tendenziale aumento dei casi di maggiore gravità. Da inizio anno a oggi, si sono registrati quasi mille codici rossi. Con una media 4.11 al giorno e punte massime di 9 codici rossi al giorno. Tuttavia, la maggior parte degli accessi continua a riguardare i codici verdi. Casi che l’Azienda intende quindi gestire con efficacia. Per evitare i rischi di tempi d’attesa non in linea con gli standard. Attraverso modifiche organizzative e strutturali dell’intera area dell’emergenza-urgenza. Alcune già adottate e altre in programma, ».

Proprio nei mesi di luglio ed agosto, al Cannizzaro sono state assegnate unità di personale infermieristico e socio-sanitario aggiuntive. Con implementazione delle ore di servizio di ausiliariato. Altre sono in programma a breve.